Approvato il Disegno di Legge Delega in materia di disabilità: ecco come si riformerà la normative sulla disabilità

Approvato il Disegno di Legge Delega in materia di disabilità: ecco come si riformerà la normative sulla disabilità

Il Consiglio dei ministri ha approvato il Disegno di Legge Delega al Governo in materia di disabilità, che rientra tra le azioni chiave previste dal PNRR (Missione 5, Componente 2 Infrastrutture sociali, famiglie, comunità e terzo settore).
Il governo ha ora la delega per portare avanti la riforma normativa in campo disabilità, emanando decreti legislativi per attuarla e che dovranno essere pubblicati entro 20 mesi dalla entrata in vigore del provvedimento.
Può essere definita una svolta normativa perché in tal modo si propone di realizzare pienamente i principi della Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità del 2006. Anche la FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap) ha apprezzato l’assunzione di responsabilità da parte del Governo.

Quali sono i punti contenuti nella riforma? Interventi che porteranno alla revisione complessiva della materia disabilità come:

  1. definizioni della condizione di disabilità, riassetto e semplificazione della normativa di settore;
  2. accertamento della condizione di disabilità, revisione dei suoi processi valutativi di base, unificando tutti gli accertamenti concernenti la cecità civile, l’invalidità civile, la sordità civile, la sordocecità, l’handicap anche ai fini scolastici, la disabilità prevista ai fini del collocamento
  3. valutazione multidimensionale della disabilità, progetto personalizzato e vita indipendente;
  4. informatizzazione dei processi valutativi e di archiviazione;
  5. riqualificazione dei servizi pubblici in materia di inclusione e accessibilità;
  6. istituzione di un Garante nazionale delle disabilità.

Nel disegno di Legge approvato appaiono dunque le istanze avanzate dal FISH, come il riconoscimento della condizione di disabilità, progetti di vita personalizzati, l’autodeterminazione delle persone con disabilità e il diritto di ciascuna persona al proprio percorso di vita indipendentemente dalla propria condizione di disabilità.
Per la disabilità in età adulta compaiono infatti interventi volti a supportare l’autonomia e la vita indipendente con forme di istituzionalizzazione, potenziamento dei servizi e delle infrastrutture sociali.
Da ora occhi puntati sulla nuova figura del Garante nazionale delle disabilità per i decreti legislativi che saranno emanati!

Logo