LA DIAGNOSI PIÙ PRECOCE E ACCURATA

LA DIAGNOSI PIÙ PRECOCE E ACCURATA

Troppo spesso ancora oggi il tumore al polmone viene diagnosticato molto tempo dopo la sua insorgenza, quando la malattia è già in fase avanzata e le possibilità di cura sono più limitate.

Grazie all’implementazione di un programma di SCREENING dedicato ai pazienti ad alto rischio e all’impiego di tecniche più innovative, la DIAGNOSI PRECOCE può diventare realtà, con la possibilità di aumentare di oltre il 50%* la sopravvivenza dei pazienti.

Il PERCORSO che porta alla DIAGNOSI di un tumore al polmone
Solitamente il percorso inizia in seguito all’insorgenza di SINTOMI, spesso aspecifici e tardivi, che comprendono principalmente:

• tosse persistente
• infezioni polmonari
• dolore quando si respira o tossisce
• riduzione del respiro
• debolezza persistente
• perdita di appetito o perdita di peso immotivato

La RADIOGRAFIA TORACICA rappresenta il primo esame da condurre in caso di sospetto di malattia.
In caso di presenza di segni di malattia alla radiografia, viene eseguita una TC con mezzo di contrasto ed eventualmente una successiva PET.
La diagnosi certa si ottiene dall’esame istologico effettuato sul tessuto prelevato con una BIOPSIA. A questo proposito può essere effettuata una BRONCOSCOPIA che oltre a prelevare un campione di tessuto permette di visualizzare l’interno dei bronchi.

*Aumento del tasso di sopravvivenza a 5 anni rispetto a diagnosi in fase di malattia metastatica.
(www.womenagainstlungcancer.org/tumore-del-polmone/)

Fonti

  • www.womenagainstlungcancer.org/tumore-del-polmone/
  • www.nhs.uk/conditions/lung-cancer/diagnosis/
  • www.aiom.it/parte-il-programma-risp-per-la-diagnosi-precoce-presentato-al-congresso-nazionale-aiom/#:~:text=Roma%2C%201%20ottobre%202022%20%E2%80%93%20Et%C3%A0,(Rete%20Italiana%20Screening%20Polmonare).
Logo