La Storia di Alberta

La Storia di Alberta

«Fatti più in là» dà spazio alla tua voce.

Leggi di seguito le storie dei pazienti che come te convivono con le MICI

La Storia di Alberta

Ero giovane e non avevo proprio idea di quello che mi stesse succedendo. Ci sono voluti un bel po’ di tempo e di chilometri percorsi per dare un nome al mio malessere. Quel mix di dolori addominali, febbre, diarrea - che oggi so bene essere i sintomi distintivi della malattia di Crohn - è stato a lungo qualcosa di inspiegabile.

Ho fatto decine di accertamenti, test, esami, ma nessuno riusciva a capire perché stessi così male, quale fosse la causa di quel malessere. D’altra parte, ero giovane: cosa mai avrei potuto avere di grave? Ignoravo l’esistenza di malattie come quella di Crohn, che colpiscono anche e soprattutto i giovani. E d’altronde all’epoca, cioè alla fine degli anni Novanta, di Crohn si parlava assai meno di quanto si faccia oggi.

Per arrivare a una diagnosi, insomma, ho dovuto cambiare Regione. È successo quando sono arrivata, dopo varie peripezie, in un altro ospedale, in Umbria. Nuovi esami, nuove visite, e stavolta anche una diagnosi: malattia di Crohn. Avevo ventisei anni.

Ho cominciato la terapia cortisonica, e mi sentivo sollevata dall’aver dato un nome al mio malessere. Finalmente sapevo cosa mi aveva reso la vita difficile per tanto tempo. Purtroppo il sollievo non è durato a lungo. Dopo un anno sono stata sottoposta a un intervento di colostomia, un intervento chirurgico impegnativo nel quale l’intestino crasso è stato deviato e collegato a un’apertura che mi era stata creata sull’addome. Questo ha comportato l’uso di sacchetti per la raccolta delle feci, da cambiare e pulire continuamente, che hanno reso la mia vita molto complicata per sette lunghi mesi. Per fortuna, in seguito, la stomia è stata ricanalizzata: avevo di nuovo il mio intestino e una qualità di vita decisamente migliore.

Eppure la malattia non se ne era andata. Anzi. Dopo un lungo periodo di relativa serenità il Crohn è tornato, e la mia esistenza è cambiata di nuovo. Succede così: è come stare su un’altalena. A periodi in cui si sta meglio seguono periodi in cui la malattia si ripresenta con tutta la sua forza. A me è successo dopo dieci anni. E come la malattia, anche la mia vita segue oggi il ritmo di un’altalena: su e giù, alti e bassi, al lavoro come in famiglia.

Continua a seguirci per leggere le nuove storie

Logo