La Storia di Adele

La Storia di Adele

«Fatti più in là» dà spazio alla tua voce.

Leggi di seguito le storie dei pazienti che come te convivono con le MICI

La Storia di Adele

Ho scoperto la mia colite ulcerosa a 17 anni, ma si prendeva pezzetti di me già da oltre un anno, anche se a lungo avevo cercato di non farci caso. I sintomi non sono arrivati tutti insieme, ma si sono presentati via via nel tempo sempre più forti, sempre più difficili da ignorare. Quando ero adolescente era più facile sottovalutarli, e potevo fare finta che non esistessero, per continuare a fare tutto quello che ero abituata a fare, a scuola e con gli amici. Ma a un certo punto è stato impossibile non dare retta a quei segnali che il mio corpo mi stava inviando. Avevo sangue nelle feci, spasmi e contrazioni addominali a ogni ora del giorno e della notte, svenimenti continui, dolori a tutte le articolazioni, la mente annebbiata. E avevo perso tantissimo peso. Era insomma chiaro che non potevo più svolgere una vita “normale”.

La scoperta di avere la colite ulcerosa è arrivata in un modo brusco ma tardivo, quando in tutto il mio organismo si era ormai innescato un processo autodistruttivo per il quale ho subito un lungo ricovero. I risultati dei primi prelievi erano spaventosi. Niente andava come doveva, tutti i valori erano sballati. Il ricovero però è servito a dare un nome a tutto quello che mi portavo dentro da un po'. E questo mi ha aiutato. Quando stai bene non ci pensi, ma quando ti ritrovi prosciugata da un fantasma è importante poterlo chiamare per nome, sapere che volto ha. Perché solo così puoi scoprire che ci sono tante persone che lottano come te, e trovare un coraggio che non pensavi di avere.

Certo, non è stato facile: ero giovanissima e soprattutto all'inizio non sono stata ascoltata come avrei dovuto. Anzi: qualcuno parlava di ansia, altri di anoressia, ma senza interrogarsi oltre. Se non fosse stato per me, per la mia famiglia, e soprattutto per mia madre – che non si è mai accontentata di risposte facili e generiche – forse oggi sarei ancora in cerca del nome di quel fantasma. Che con la sua imprevedibilità ha tolto tanto alla mia vita.

Per colpa della malattia, infatti, non sono riuscita a finire gli studi e non ho preso il diploma. Ho fatto dei corsi, come e dove potevo, e alla fine sono riuscita a fare il lavoro che volevo, anche se questo rimane ancora oggi uno degli aspetti più delicati della gestione della mia malattia e della mia vita. È stato facile? No. Ne vale la pena lo stesso? Sì. Ma a un certo punto serve trovare una bussola, avere qualcuno che ci faccia da spalla e supporto.

È successo durante una lunga riacutizzazione, quando pochi giorni prima di iniziare la terapia biologica sono riuscita a partecipare ad un convegno.

Sono passati tre anni da allora, e da quel momento porto con me tanta grinta. Prima invece era solo paura ed insicurezza, ma sono riuscita a trasformarla. Come? Parlando con le persone, confrontandomi attraverso i giusti canali, e suggerisco a chiunque come me lotti ogni giorno contro la colite ulcerosa di farlo. È la strada giusta per capire che non dobbiamo vergognarci della nostra malattia e tanto meno delle nostre battaglie. Da quando ho la colite ulcerosa ho vissuto tanti piccoli traguardi, come riuscire a fare il viaggio dei sogni, dopo tanti sacrifici e paure, riuscire a farmi capire. Ma ho anche imparato che si può amare ed essere amati. Mando un abbraccio a chi come me lotta ogni giorno. E ricordatevi: noi siamo coraggiosi!

Continua a seguirci per leggere le nuove storie

Logo