Conoscere la SM

Conoscere la SM

La sclerosi multipla è una malattia che colpisce il tuo sistema nervoso.

Può cambiare in modo sostanziale la tua vita e, indirettamente, riflettersi su quella delle persone che si prendono cura di te.

2,8m

La sclerosi multipla (SM) colpisce circa 2,8 milioni di persone in tutto il mondo.

[1]

icona

La SM è una malattia del sistema nervoso centrale (SNC) - inclusi il cervello, il midollo spinale e i nervi ottici - che altera il normale flusso di informazioni e può provocare gravi danni al funzionamento dell’organismo.

[2]
[3]

icona

Dato che la SM colpisce ogni persona in modo diverso, non è possibile prevedere la progressione della malattia, la gravità e i sintomi specifici che ciascuna persona affetta da SM sperimenterà.

[3]
[4]

icona

Al momento non esiste una cura per la SM, ma negli ultimi decenni le opzioni terapeutiche sono aumentate e la ricerca continua a studiare la SM, i suoi sintomi e le sue cause.

[5]
[6]

Cos'è la sclerosi multipla?

La SM è una malattia neurologica autoimmune in cui le cellule del tuo sistema immunitario attaccano il sistema nervoso centrale, provocando delle lesioni.

[4]
[5]

• Normalmente, le cellule del sistema immunitario agiscono da pattuglie alla ricerca di agenti infettivi (come virus e batteri). Quando ne trovano uno, lo attaccano.
• Nella SM, tuttavia, per ragioni tuttora sconosciute, le cellule immunitarie attaccano la guaina esterna delle cellule nervose, chiamata mielina, e innescano un meccanismo infiammatorio nel SNC.
[4]

Quando parli della SM con il tuo team di specialisti, qualcuno di loro potrebbe fare riferimento a due tipi di linfociti, cellule del sangue che ricoprono un ruolo importante in questo processo. Queste cellule sono conosciute come cellule B e cellule T e appartengono al sistema immunitario del nostro corpo.

Infiammazione: l'infiammazione è una risposta protettiva del tuo organismo a stimoli dannosi, quali agenti patogeni, cellule danneggiate o sostante irritanti. La funzione dell'infiammazione è solitamente quella di eliminare la causa iniziale del danno, eliminare i tessuti danneggiati e avviarne la riparazione.

[7]
Nella SM si verifica un'infiammazione anomala che provoca danni al sistema nervoso centrale.
[3]


Linfociti B e linfociti T: le cellule coinvolte nella risposta immunitaria sono molte e diverse. Normalmente, i linfociti B producono anticorpi che aiutano il sistema immunitario a riconoscere gli agenti infettivi esterni che sono poi attaccati dai linfociti T, aiutando a controllare la risposta immunitaria.
[5]
Nella SM, questi linfociti si spostano nel SNC causando delle lesioni.
[5]

Mielina: La mielina è una sostanza che, nel sistema nervoso centrale, forma uno strato protettivo intorno ai neuroni. Questa protezione aiuta i neuroni a inviare rapidamente segnali al nostro corpo.

[8]
Nelle malattie demielinizzanti come la SM, quando la mielina viene danneggiata o distrutta, diventa più difficile per i neuroni comunicare tra loro in modo rapido ed efficace. Nella SM anche i neuroni stessi possono venire danneggiati.
[3]
[8]

Lesioni: Le aree in cui l'infiammazione ha danneggiato o distrutto la mielina. Queste lesioni possono verificarsi nel cervello, a livello del nervo ottico e nel midollo spinale. Spesso il medico può vedere la presenza di queste lesioni utilizzando la risonanza magnetica (RM).

[2]

Quali sono gli effetti della sclerosi multipla sulla comunicazione nel sistema nervoso centrale?


Il sistema nervoso centrale comunica inviando segnali attraverso cellule nervose, chiamate neuroni. I neuroni ti aiutano a elaborare e a rispondere agli stimoli in arrivo dal mondo che ti circonda.

[9]


In tutto il SNC, gruppi di neuroni si interconnettono per formare reti neurali che sono come delle autostrade tenute sempre in buone condizioni.

[10]
Ciò permette al tuo cervello di ricevere ed elaborare le informazioni dal mondo che ti circonda

Con la SM, queste autostrade si danneggiano” e, nel tempo, possono mostrare delle interruzioni.

[11]
[12]
Ciò può causare un movimento più lento e meno efficiente dei segnali all'interno delle reti neurali.
[8]

Il SNC è in grado di creare nuove connessioni per cercare di riparare i danni. Col passare del tempo, tuttavia, la capacità di costruire nuove connessioni diminuisce.

[11]
[13]

Man mano che il cervello cerca di costruire nuove connessioni, può diventare meno efficiente. Immagina ciò come una deviazione di percorso: puoi comunque arrivare a destinazione, ma di solito ci vuole più tempo.

[14]
[15]

Dato che non esiste un solo sintomo, un unico segno fisico o un test di laboratorio che possano diagnosticare definitivamente la SM, il team di specialisti deve utilizzare un insieme di metodi per valutare i pazienti prima che una diagnosi possa essere effettuata. Il team raccoglierà le informazioni per un'anamnesi dettagliata, eseguirà un esame neurologico e richiederà ulteriori approfondimenti tra i quali: esami del sangue, esame del liquido cerebrospinale (chiamato a volte prelievo del liquido spinale o puntura lombare) e tecniche di imaging tra cui la risonanza magnetica (RM).

[16]

La diagnosi di sclerosi multipla verrà formulata solo se i risultati di questi test ed esami avranno soddisfatto determinati criteri diagnostici (noti come criteri di McDonald).
[14]

Una persona può ricevere una diagnosi di sindrome radiologicamente isolata (RIS) o sindrome clinicamente isolata (CIS).

[17]

Le persone con diagnosi di RIS hanno effettuato una risonanza magnetica che mostrava, nel cervello o nel midollo spinale, un'anomalia che appariva simile a quella di una lesione da SM. Queste persone non riportano sintomi neurologici passati o presenti al momento in cui è rilevata l'anomalia.

[17]

Le persone con diagnosi di CIS presentano un primo episodio di sintomi neurologici causati da infiammazione del SNC e danni alla mielina. I segni e i sintomi della CIS, per quanto simili a quelli della SM, non soddisfano ancora i criteri completi per una diagnosi di SM.

[17]

Ci sono 3 principali sottotipi di sclerosi multipla

Una diagnosi di SM può includere l'identificazione dei suoi sottotipi. I sottotipi principali sono la sclerosi multipla recidivante-remittente, la sclerosi multipla secondariamente progressiva con o senza recidive e la sclerosi multipla primariamente progressiva.

[2]
[6]

Sclerosi multipla primariamente progressiva (SMPP)

La SMPP è un tipo di SM in cui i sintomi e la funzione neurologica peggiorano gradualmente e progressivamente nel tempo, piuttosto che apparire come fasi di recidive e remissioni.

[17]

• La SMPP può presentarsi come attiva (con alcune recidive e/o evidenze di attività di malattia alla RM, in un determinato arco temporale) o non attiva; inoltre può essere progressiva (con evidenze di peggioramento funzionale nel tempo, con o senza recidiva o nuova attività [di malattia] alla RM) o non progressiva.

[17]

• Questo tipo di SM colpisce circa il 10-15% dei pazienti di nuova diagnosi.

[17]

Esempio di attività di malattia in un paziente con SMPP
[17]

Il grafico fornisce un esempio del tipo di attività di malattia che può verificarsi nel tempo nella SMRR; tuttavia l'esperienza di ogni persona affetta da SMRR è unica.

Rielaborato da The National MS Society, 'Types of MS'

Sclerosi multipla recidivante-remittente (SMRR)

La SMRR colpisce la maggior parte delle persone con SM (85%) ed è caratterizzata da ricorrenti “recidive” seguite da un periodo di recupero o remissione. Le recidive sono episodi con la presenza di nuovi sintomi o il peggioramento di sintomi pregressi e possono verificarsi contemporaneamente a lesioni nel SNC.

[6]

  • L’intensità delle recidive può essere da lieve a grave così come i sintomi che queste provocano possono variare da persona a persona. Dopo una recidiva, i sintomi possono scomparire del tutto, anche se a volte non succede. La presenza dei sintomi dopo una recidiva può portare a un'ulteriore disabilità.
    [17]
    [18]

  • La SMRR può presentarsi come attiva (con alcune recidive e/o evidenze di nuova attività di malattia alla RM, in un determinato arco temporale) o non attiva; inoltre con peggioramento (con incremento confermato della disabilità dopo una recidiva) o senza peggioramento.
    [17]
Esempio di attività di malattia in un paziente con SMRR
[17]

Il grafico fornisce un esempio del tipo di attività di malattia che può verificarsi nel tempo nella SMRR; tuttavia l'esperienza di ogni persona affetta da SMRR è unica.

Rielaborato da The National MS Society, 'Types of MS'.

Sclerosi multipla secondariamente progressiva (SMSP) 

L'80% dei pazienti con SMRR alla fine progredirà verso la SMSP. In questa forma di SM, il funzionamento del SNC e il livello di disabilità peggiorano costantemente nel tempo, con o senza recidive.

  • La SMSP può presentarsi come attiva (con alcune recidive e/o evidenze di nuova attività di malattia alla RM, in un determinato arco temporale) o non attiva, inoltre con progressione (con incremento confermato della disabilità nel tempo, con o senza recidiva o nuova attività di malattia alla RM) o senza progressione.
    [2]
    [5]
    [17]
Esempio di attività di malattia in un paziente con SMSP
[17]

Il grafico fornisce un esempio del tipo di attività di malattia che può verificarsi nel tempo nella SMSP; tuttavia l'esperienza di ogni persona affetta da SMSP è unica.

Rielaborato da The National MS Society, 'Types of MS'.

Bibliografia

The Multiple Sclerosis International Federation, Atlas of MS, 3rd Edition (September 2020).
Dendrou CA, Fugger L, Friese MA. Immunopathology of multiple sclerosis. Nat Rev Immunol. 2015; 15(9): 545-558. doi:10.1038/nri3871.
National MS Society/What is MS. Accessed September 25, 2020. https://www.nationalmssociety.org/What-is-MS.
National MS Society/ Symptoms and Diagnosis/MS Symptoms. Accessed June 29, 2020. https://www.nationalmssociety.org/ Symptoms and Diagnosis/MS Symptoms.
National Institutes of Health/Hope Through Research/glossary. Accessed August 24, 2020. https://www.ninds.nih.gov/Diso...
Filippi M, Bar-Or A, Piehl F, et al. Multiple sclerosis. Nat Rev Dis Primers. 2018; 4(1): 43. doi:10.1038/s41572-018-0041-4.
Ferrero-Miliani L, Nielsen OH, Andersen PS, Girardin SE. Chronic inflammation: importance of NOD2 and NALP3 in interleukin-1beta generation. Clin Exp Immunol. 2007; 147(2): 227-235. doi:10.1111/j.1365-2249.2006.03261.x
National MS Society/What is MS/Definition of MS/Myelin. Accessed August 24, 2020. https://www.nationalmssociety.org/What-is-MS/Definition-of-MS/Myelin
National Institutes of Health/Know your brain/”Making Connections” Accessed August 24, 2020 www.ninds.nih.gov/Disorders/Patient-Caregiver-Education/Know-Your-Brain
National Institutes of Health/Brain Basics/life and death of a neuron. Accessed August 27, 2020. www.ninds.nih.gov/Disorders/Patient-Caregiver-Education/life-and-death-neuron
Bassi M, Iezzi E, Pavone L, et al. Modeling Resilience to Damage in Multiple Sclerosis: Plasticity Meets Connectivity. Int J Mol Sci. 2019; 21(1): 143. doi:10.3390/ijms21010143
Di Filippo M, Portaccio E, Mancini A, Calabresi P. Multiple sclerosis and cognition: synaptic failure and network dysfunction. Nat Rev Neurosci. 2018; 19(10): 599-609. doi:10.1038/s41583-018-0053-9.
Li Y, Jewells V, Kim M, et al. Diffusion tensor imaging based network analysis detects alterations of neuroconnectivity in patients with clinically early relapsing-remitting multiple sclerosis. Hum Brain Mapp. 2013; 34(12): 3376-3391. doi:10.1002/hbm.22158.
Cerqueira JJ, Compston DAS, Geraldes R, et al. Time matters in multiple sclerosis: can early treatment and long-term follow-up ensure everyone benefits from the latest advances in multiple sclerosis? J Neurol Neurosurg Psychiatry. 2018; 89(8): 844-850. doi:10.1136/jnnp-2017-317509.
Kerschensteiner M, Bareyre FM, Buddeberg BS, et al. Remodeling of axonal connections contributes to recovery in an animal model of multiple sclerosis. J Exp Med. 2004; 200(8): 1027-1038. doi: 10.1084/jem.20040452.
National MS Society/Symptoms-Diagnosis/Diagnosis MS. Accessed August 26, 2020. https://www.nationalmssociety.org/Symptoms-Diagnosis
National MS Society/What is MS/Types of MS. Accessed August 26, 2020. https://www.nationalmssociety.org/What-is-MS/Types-of-MS
National MS Society/Treating-MS/Managing-Relapses. Accessed August 26, 2020. www.nationalmssociety.org/Treating-MS/Managing-Relapses#section-0
Logo